VENTISEIESIMA DOMENICA ORDINARIA 2018

VENTISEIESIMA DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

Nm 11, 25-29; Sal 18; Gc 5, 1-6; Mc 9, 38-48

Il racconto di Marco continua a sottolineare, anche questa domenica, l’incapacità dei Dodici di comprendere la via paradossale di Gesù: una via di libertà totale a cui si accede attraverso il farsi schiavo. L’ “insospettabile” Giovanni si fa portavoce di una gelosia di potere, qui non più personale ma “di gruppo”: non era dei nostri, dice Giovanni di questo esorcista “abusivo” perché fuori dalla cerchia “canonica” di Gesù! Gesù è fermo: Non glielo impedite! Gesù non è un esclusivista, non è “integrista”: Non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito dopo possa parlare male di me. Gesù dichiara invalida la posizione dei discepoli; il problema è sapere che se ne fa del nome di Gesù! Gesù invita qui a guardare dentro e non fuori per stigmatizzare gli esterni … il problema è che quelli di dentro un giorno rinnegheranno e tradiranno … specie se si sentono “al sicuro”; il problema è per quelli di dentro che se ne vanno, non per quelli di fuori che, addirittura, possono usare il nome di Gesù per compiere opere di liberazione.

L’antico detto patristico, attribuito a S. Cipriano di Cartagine, “extra ecclesiam nulla salus” (“fuori dalla chiesa nessuna salvezza”), spesso impugnato in modo integrista da certi cristiani, è in realtà un detto che non vuole colpire e mandare all’inferno quelli di fuori, ma è un monito a quelli “di dentro” che “sanno” e che abbandonano la Chiesa palesemente o, più tremendamente, nel profondo di loro stessi con scelte mortifere pur rimanendo apparentemente “dentro”! Non a caso Marco fa seguire a questo episodio una serie di detti di Gesù sul tema dello “scandalo”!

Lo scandalo è opera di quelli di dentro che fanno danno dentro facendo inciampare i “piccoli”. I discepoli non stessero a guardare fuori impedendo questo o quello agli esterni, pensassero a custodire l’Evangelo che è stato loro consegnato … pensassero a togliere ciò che è inciampo nelle loro stesse vite: la mano, l’ occhio, il piede da tagliare sono le azioni (mano), i desideri (occhi), le direzioni e le scelte (piede) che impediscono l’accesso al Regno, che portano lontano da Cristo e dalla sua scelta di fondo che è quella di essere offerta d’amore capace di prendere su di sé la violenza del mondo per spegnerla. La scelta d’amore di Gesù non si fece accusa o esclusione (pensiamo alle sue parole dalla croce, parole di perdono per i crocifissori e di accoglienza del brigante crocefisso!) ma divenne tensione all’unità dei dispersi

Il racconto di Marco continua a sottolineare, anche questa domenica, l’incapacità dei Dodici di comprendere la via paradossale di Gesù: una via di libertà totale cui si accede attraverso il farsi schiavo … Marco ha fatto passare dinanzi ai nostri occhi prima Pietro che si fa inciampo a Gesù nel suo andare a Gerusalemme, poi i Dodici tutti che disputano miseramente su presunti ed agognati primati, oggi l’“insospettabile” Giovanni che si fa paladino di un integrismo che Gesù non tollera in alcun modo.

Gesù è fermo: Non glielo impedite! Forse i discepoli credevano di ottenere un elogio da Gesù per il loro “zelo”, ma Gesù mostra loro che hanno uno “zelo cattivo” perché geloso ed esclusivista.

Il problema, dice Gesù, non è far parte di una cerchia, il problema è il “nome di Gesù”: l’esorcista sconosciuto agisce “nel nome di Gesù” e riesce a compiere l’esorcismo; si badi che all’inizio di questo stesso capitolo (9, 18b) si dice che i discepoli, richiesti di un esorcismo dal padre del fanciullo epilettico, “non ne hanno avuto la forza”… come mai? Forse perché pretendevano di agire nel loro stesso nome e non nel nome di Gesù; qui, invece, c’è un tale che, nel nome di Gesù, ci riesce!

Gesù non è un esclusivista, non è “integrista”: Non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito dopo possa parlare male di me. Gesù agisce come già aveva agito Mosè

con il giovane Giosuè, come abbiamo ascoltato nella Prima Lettura di questa domenica; anche lì c’è qualcuno che “profetizza” senza essere parte del gruppo dei settanta designati da Mosè e Giosuè, anch’egli preso da uno “zelo cattivo”, vorrebbe impedirlo ma Mosè dice con forza che quella non è una via di Dio, anzi proclama parole di tutt’altro tono: Fosserro tutti profeti nel popolo del Signore e volesse il Signore dare loro il suo spirito!

Gesù invita i suoi ad avere il suo stesso sguardo libero e capace di accogliere il “buono” da qualunque parte venga e per farli convinti di questa sua linea associa i Dodici a Lui stesso: Chi non è contro di noi è per noi!

Quello di Gesù non è uno stolto “buonismo”: ci sono quelli che sono contro, esistono e sono gli avversari di Gesù, quelli che lo inchioderanno alla croce; con questi Gesù non è stato “buonista”, li ha chiamati “ipocriti e sepolcri imbiancati”! Gesù però non crea dei nemici, non ha l’ossessione di riconoscere nemici dovunque … qui, infatti, si tratta di un’altra situazione: si tratta del rischio di fare della Chiesa (chiaramente questo è il problema di Marco e della Chiesa nascente!) una setta o una èlite; ci sono alcuni di fuori che, nella loro condizione, sono per il Regno!

Per mettere in guardia da settarismi e chiusure Marco introduce qui, come dicevamo, il tema dello “scandalo”. Guai a chi fa inciampare i “piccoli”! In greco “skandalon” indica una pietra che fa inciampare i passi di un viandante.

Chi sono questi “piccoli”? Per comprendere questo termine credo che bisogna riferirsi alla terminologia paolina (in 1Cor 8-10 e Rm 14) in cui si dice che nella Chiesa ci sono i “deboli” e i “forti”; i “deboli” (i “piccoli” dice qui Gesù) sono quei credenti non illuminati, poco istruiti, privi di scienza, la cui fede è ancora debole e soggetta agli scandali … la loro coscienza non può essere ferita dai “forti”! Addirittura Gesù qui dice che è meglio suicidarsi che essere fonte di scandalo per questi “piccoli”, lo dice con un’immagine brutale, quella della macina di asino da mettere al collo, una grossa pietra tonda che un asino girava su un perno per macinare olive o grano; il rischio, poi, per Gesù è anche scandalizzare se stessi, inciampando e andando a finire nella Geenna, luogo delle immondizie e del non-senso!

Il discorso è duro per quelli di dentro … Lo scandalo sarà nei secoli la cattiva vita dei discepoli di Gesù … la vita non evangelica di chi è custode dell’Evangelo è inciampo verso il Regno per tanti e specie per i fragili, per i semplici, per i poveri … e, ricordiamolo, questi sono i prediletti del Regno!

L’Evangelo oggi, ancora una volta, ci mette dinanzi alla responsabilità che ci è affidata; aver ricevuto l’Evangelo non è privilegio che ci mette al riparo ma è responsabilità per un dono ricevuto e da donare ancora.

Vite non compromesse per l’Evangelo non annunziano l’Evangelo, ma lo occultano! È questa la verità! Non bisogna trovare scappatoie a questa verità!

P. Fabrizio Cristarella Orestano

(Scavi archeologici di Cafarnao, macina)

PENTECOSTE 2018

PENTECOSTE

At 2,1-11; Sal 103; Gal 5, 16-25; Gv 15, 26-27; 16, 12-15

Se con l’Ascensione l’ esodo è compiuto, la carne dell’uomo è giunta alla “Terra promessa” che è il grembo trinitario di Dio, se l’Ascensione è il “già ” della salvezza, la Pentecoste apre la possibilità del “non ancora ” … il “già” della carne di Cristo apre il “non ancora” della nostra carne; dal compimento di quel “già ” iniziano a scorrere i giorni, gli anni, i secoli in cui l’umanità avrà bisogno di essere innervata dalla forza di Dio, dall’Amore che è Dio, per giungere, nella piena libertà, a quella “Terra promessa” di cui Cristo Gesù è la certa caparra!

La nostra fede è così: promesse che si compiono e rilanci della promessa … di rilancio in rilancio si perviene alla “Terra promessa” !

Pentecoste compie la Pasqua perché lo Spirito, dono estremo e pieno del Risorto, innerva i credenti e li fa Chiesa; Pentecoste è l’ora in cui lo Spirito inizia ad abitare la storia per trasfigurarla in storia di amore! Pentecoste compie la Pasqua perché lo Spirito è colui che è dato ai credenti perché entrino con coraggio nella dinamica pasquale fino in fondo, senza sconti o diminuzioni, senza viltà e nascondimenti, senza addolcimenti o raffreddamenti.

Lo Spirito che oggi inizia ad essere effuso sui credenti diventa il compagno inseparabile della Chiesa di Cristo, come fu – lo scriveva San Basilio il Grande – compagno inseparabile di Gesù di Nazareth.

La Chiesa allora sa che, o sarà docile compagna dello Spirito del Risorto o rischia di divenire altra cosa: compagine sociale, fors’anche benemerita, ma solo compagine sociale, organizzazione benefica e filantropica. Nella realtà quando essa prende le distanze dallo Spirito e dalle sue istanze diventa neanche una benemerita associazione ma, il più delle volte, un mastodonte ingombrante che offusca l’Evangelo contraddicendolo perché si lascia muovere da istanze sempre più simili a quelle del mondo.

La Pentecoste, di contro, ci racconta la freschezza di una Chiesa invasa dalla potenza imprevedibile e non ingabbiabile dello Spirito, di una Chiesa che con franchezza grida l’Evangelo senza paure o limiti, senza calcoli di convenienze o di tempi; una Chiesa abitata da quella “parresìa” che rende ragione dell’Evangelo e lo proclama senza arroganze ma con il fuoco della passione di chi la vita se l’é lasciata afferrare da Cristo (cfr Fil 3,12)!

La camera alta in cui i discepoli sono raccolti è luogo di attesa e di preghiera ma anche luogo che si lascia spalancare dall’imprevedibile di Dio!

I discepoli diventano pienamente uomini della Pasqua perché si lasciano afferrare dal turbine dello Spirito che ribatte nel loro cuore solo una parola che essi ripetono, e che tutti intendono nelle loro lingue. Quale questa Parola? Luca la metterà subito dopo sulle labbra di Pietro: “Quel Gesù che voi avete crocifisso… Dio l’ha resuscitato sciogliendolo dalle angosce della morte…e noi tutti ne siamo testimoni” (cfr At 2, 23 – 24.32).

E’ l’Evangelo di Gesù che, sulle labbra della Chiesa, sarà sempre Evangelo costoso e lo Spirito sarà la forza per pagare questo prezzo , la forza per fare ciò che Paolo dice nel testo

della Lettera ai cristiani della Galazia che abbiamo ascoltato: Crocifiggere la carne con le sue passioni e i suoi desideri.

La Pentecoste è l’inizio di questa possibilità di lotta perché l’ uomo nuovo, nato dalla Pasqua di Gesù, possa prendere forza e vigore nel cuore dei credenti. Pentecoste è l’irruzione definitiva di Dio al cuore dell’umanità; è lo Spirito versato nei nostri cuori (cfr Rm 5, 5) perché possa esplodere la “figliolanza” che ci fa gridare Abbà (cfr Rm 8,15).

E allora è chiaro che Pentecoste è compimento e rilancio della promessa. E’ compimento perché lo scopo della salvezza era quello di dare accesso all’amore di Dio al cuore dell’uomo, è rilancio perché dal dono nasce la lotta della libertà che di continuo deve aprirsi, in ogni credente, al dono di Dio.

La Pentecoste assicura al credente la presenza di un “Paràcletos”, un difensore; certo è lo Spirito che ci difende dagli attacchi del mondo, ma è soprattutto “Paràcletos” perché difende Dio da noi stessi, o meglio, difende i diritti di Dio nella nostra vita di credenti e fa salire dalla storia i suoi gemiti inesprimibili (cfr Rm 8,26) per aiutarci a domandare ciò che davvero serve al Regno di Dio e a fare delle nostre vite dei capolavori di pienezze.

A partire dal mistero della Pentecoste il credente sa che la storia è abitata ormai dallo Spirito di Dio che è unità, amore, forza, fuoco di passione, coraggio; il credente sa che le sue scelte costose per l’Evangelo sono sostenute da Colui che Cristo ci ha donato come compagno di viaggio per tutti i giorni della storia. Questo nostro compagno di viaggio, lo Spirito Santo, è Colui che ci dona la presenza del Risorto, è colui nel quale ci sono rimessi i peccati, è Colui nel quale lo “sta scritto” diviene “Parola di Dio” nel nostro cuore di credenti, è Colui che ci fa uno per testimoniare al mondo il volto dell’umanità nuova che Gesù ha conquistato per noi nella sua Pasqua.

P. Fabrizio Cristarella Orestano

Simon Marmion (seguaci): Pentecoste (Valencienne, Hinaut; France)

ASCENSIONE 2018

ASCENSIONE DEL SIGNORE

At 1, 1-11; Sal 46; Ef 4, 1-13; Mc 16, 15-20

Il racconto che Luca fa, in Atti, dell’ Ascensione del Signore, è racconto di una vera e propria “teofania”, di una manifestazione di Dio; una manifestazione che avviene con il celarsi di Gesù! Paradossale! Come sempre, nel mistero cristiano, tutto è paradossale!

Qui Dio si manifesta sottraendo la visibilità del Risorto ai discepoli, ma questa assenza subito si riempie di una parola che viene da Dio: Uomini di Galilea perché state a fissare il cielo? Questo Gesù che è stato di tra voi assunto fino al cielo, tornerà un giorno allo stesso modo in cui l’avete visto andare in cielo . A parlare sono “due uomini ” non meglio definiti da Luca (anche al sepolcro le donne avevano visto “due uomini ”! cfr Lc 24, 4) la tradizione ha voluto vedervi due angeli … per alcuni esegeti sarebbero di nuovo Mosè ed Elia (anch’essi così definiti da Luca nella scena della Trasfigurazione; cfr Lc 9,30) che sono venuti come testimoni all’appuntamento del “compimento ” dell’ Esodo … sì, perché qui l’Esodo è davvero compiuto! Se la passione è stata il tempo del deserto ora qui, con la Risurrezione e l’Ascensione, Gesù giunge con tutta l’umanità alla Terra promessa! La scena somiglia tantissimo al racconto della Trasfigurazione: in primo luogo c’è la nube, segno della gloria del Signore, nube che cela e rivela e, mai come in questo racconto, è così chiaro che essa celi ma poi si dipana una grande rivelazione.

I due uomini (siano angeli o Mosè ed Elia!…) invitano i discepoli disorientati (ancora un parallelismo con il racconto della Trasfigurazione!) a non rimanere fissi con gli occhi al cielo e questo perché c’è da attendere un ritorno e questa attesa non può non essere che nella storia, nel quotidiano … i discepoli devono tornare alla storia e anzi devono essere, nella storia, via di svolta, di “esodo” per tutti! Ai discepoli del Crocefisso Risorto non è consentita alcuna evasione dalla storia! Ormai questo “esodo” dell’umanità è incominciato, tanto che un frammento della storia, del tempo degli uomini, della loro carne è ormai presso Dio … Gesù è questo straordinario frammento di storia che è giunto a Dio compiendo tutto l’Esodo ed essendo promessa di pienezza! La Chiesa resta nella storia per essere seme di questo compimento! Un compimento che può avvenire solo in un modo: narrando Gesù ! D’altro canto Gesù era venuto per narrare al mondo il Padre e l’aveva fatto con le sue parole e la sua vita tutta donata; la Chiesa non può e non deve fare altrimenti, non può e non deve fare altro! Riceverà lo Spirito per essere serva di questo compimento .

Nella finale dell’Evangelo di Marco che oggi si ascolta è chiaro: i discepoli, nonostante la loro fragilità (sono gli Undici e non più i Dodici perché tra loro si era insinuato il tradimento e la morte, e sono stati incapaci di una fede pronta, infatti Gesù li rimprovera per questa loro povera fede!) sono inviati da Gesù risorto ad evangelizzare tutta la creazione ; mi pare significativo che Gesù non dica semplicemente “tutti gli uomini ” o “tutte le genti” (come viene detto in Matteo ) ma dica “tutta la creazione ”… è come dire che l’Evangelo, per la parola e la testimonianza degli Apostoli, debba permeare tutto il creato per trasfigurarlo; tanto è vero che gli stessi segni che essi devono fare, toccano con evidenza le cose create liberandole (scacciano i demoni!) e trasformadole da male a bene (i serpenti, il veleno, le malattie, la separazione tra gli uomini a causa delle “lingue ” diverse …)

Con l’ Ascensione allora inizia un tempo nuovo, il tempo in cui il seme che Cristo ha piantato nella storia deve iniziare a giungere a pienezza …

Anche la finale di Marco, come il racconto di Atti, sottolinea che inizia un tempo di assenza, ma subito quell’assenza è avvertita come presenza distesa e permanente … infatti il Signore opera con i suoi e conferma le parole degli Apostoli e questo dappertutto, ovunque …

Lo straordinario di questo mistero dell’Ascensione è che l’ Evangelo, frutto “a caro prezzo ” dell’amore trinitario, frutto “a caro prezzo ” della croce del Figlio, ora è affidato a povere mani di uomini … la conferma e l’operare di Cristo sono strettamente legate all’opera dei discepoli … se essi non vanno e non si compromettono l’ Evangelo resta “congelato” perché non annunziato, resta fermo perché ha bisogno delle loro gambe e della loro fatica … quando nei secoli i discepoli non hanno fatto questo, il mondo degli uomini ed il creato tutto ripiombano nelle loro vie di morte e di alienazione.

L’Ascensione, allora, deve accendere nei nostri cuori la “febbre” dell’evangelizzazione … non c’è cristiano che se ne possa sentir fuori … non c’è discepolo di Cristo che possa nascondersi dietro “altri ministeri” e altre urgenze! Nessun discepolo di Cristo ne può essere esentato!

Divenuti discepoli del Crocifisso Risorto non si può avere che un’ urgenza: gridare al mondo, con la vita e la parola, la grande speranza, indicare al mondo quella terra promessa che già ci appartiene perché “uno di noi”, Gesù di Nazareth, Figlio dell’uomo e Figlio di Dio, già vi abita e, abitandovi, rimane contemporaneamente sempre con noi!

Credere nella Risurrezione è credere a questa terra promessa e tendervi con tutte le forze! Chi crede nella Risurrezione sa che c’è un’ urgenza: l’Evangelo! Sa che è un’ urgenza prima per lui stesso che ogni giorno deve decidersi per Cristo per poi mostrarlo al mondo senza arroganze e senza disprezzo.

A Cristo Gesù che tornerà la Chiesa dovrà consegnare questo mondo in cui essa è stata lasciata, un mondo da amare e da trasfigurare con la parola di salvezza e con la sua vita tutta fatta dono come quella del suo Sposo e Signore!

P. Fabrizio Cristarella Orestano

Jean Poyer: Ascensione, miniatura dal Libro d’Ore, 1490-1500 (Tours, France)

PRIMA DOMENICA QUARESIMA 2018

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA

Gen 9, 8-15; Sal 24; 1Pt 3, 18-22; Mc 1, 12-15

La Quaresima inizia subito con una narrazione che ci conduce al cuore del mistero cristiano che ci prepariamo a celebrare a Pasqua. Un mistero che la Prima lettera di Pietro ci riassume in modo mirabile e che è mistero di debolezza assunta da Dio. Un mistero che ci narra la vicinanza assoluta di Dio con il dramma del nostro vivere, del nostro lottare, del nostro morire, del nostro sanguinare per cercare vie di umanizzazione. Dio è in questa nostra storia senza esenzioni!

Gesù, il Figlio amato, compiacimento del Padre, così come il mistero del Battesimo al Giordano ha proclamato, imbocca subito la via della “compagnia” radicale con la nostra storia umana. Cristo Gesù ci libera, ma per una via diretta e costosa, la via dell’assunzione del nostro vivere che solo così potrà davvero trasfigurare. Dopo la manifestazione dello Spirito al Giordano ecco ora lo scontro con Satana. Marco non ci narra le tentazioni con un episodio puntuale e chiuso; Marco ci fa comprendere che questo scontro, questa lotta fu aspra, dura, prolungata, continua … Marco usa l’imperfetto: «stava nel deserto tentato da Satana», ci dice così una situazione che ha una sua durata. Il secondo evangelo non narra la triplice tentazione così come narrano invece i vangeli di Matteo e Luca; la sua è una narrazione icastica, essenziale, cruda. Lo Spirito, che era sceso a ungere la Sua umanità, ora lo “getta nel deserto” (“Tò pneûma autònekbállei eis tèn éremon”, così alla lettera nel testo greco) perché affronti l’essere uomo senza sconti! I rabbini dicono che il valore numerico delle lettere che compongono la parola “Hasatàn” (“il satana”, “l’accusatore”) è 364, e ciò per dire che l’uomo è tentato e accusato da Satana tutti i giorni dell’anno, tranne che nel giorno dello Yom kippur, il giorno dell’espiazione, del perdono. Gesù ha fatto questa esperienza umanissima della tentazione continua; ha fatto l’esperienza di essere gettato nella tentazione. Solo così poteva essere il “sommo sacerdote che ci occorreva … tentato in tutte le cose, similmente a noi, tranne che nel cadere nel peccato” (cfr Eb 4, 15). Gesù ha sentito il morso del male che aggredisce. Ha fatto esperienza nel suo corpo, e nel suo profondo, della debolezza degli uomini, quella debolezza che dà le vertigini a tanti giorni del nostro vivere. Dopo essersi rivestito della nostra carne, il Figlio si è rivestito di debolezza, come scrive ancora l’autore della Lettera agli Ebrei (cfr Eb 5, 2). I Padri diranno che la debolezza fu l’abito sacerdotale di cui il Messia si rivestì per offrire il sacrificio della sua Pasqua.

Dobbiamo pensare seriamente alla debolezza di Gesù: una debolezza che scelse come via di unità tra noi e Lui; come via di assunzione, nella sua carne santissima, di quello che noi siamo. O prendiamo sul serio la tragicità delle tentazioni di Gesù, o riduciamo le tentazioni ad un ridicolo “teatrino” in cui Gesù finge di essere tentato per insegnarci qualcosa. No! L’insegnamento è vero solo se si attraversa ciò che si insegna, e lo scopo delle tentazioni nel deserto non è educativo, didattico; sarebbe troppo poco! La tentazione è costitutiva della salvezza. Il Cristo, dicevano i Padri della Chiesa, ha salvato tutto ciò che ha assunto e, passando per la via dolorosissima della tentazione, apre in questo deserto dell’uomo – di ogni uomo! – una via percorribile non perché ci chiede di imitarlo (sarebbe la logica del “bell’esempio”!) ma perché apre e dona all’umanità una concreta possibilità; immette nella nostra carne, nella nostra natura la possibilità della lotta, la possibilità della vittoria … La sua lotta e la sua vittoria ci sono donate per diventare strada percorribile nella storia.

Perché questo fosse possibile, Gesù accettò di essere aggredito dai desideri brucianti, accettò di essere affascinato fino all’estremo dai bagliori delle lusinghe del potere e del possedere: permise, nella spinta potente dello Spirito, che la tentazione ardente devastasse

il suo cuore, permise a quelle lusinghe di avere la forza sferzante di allucinazioni ingannevoli che lo fecero camminare sul ciglio di un precipizio di male.

E’ su questo tremendo e reale terreno che avviene la sua lotta e la sua vittoria; e su quel terreno Gesù griderà il suoi no alla tentazione. Marco lo dice sottilmente: «Stava con le fiere e gli angeli lo servivano». E’ dunque il nuovo Adam che restituisce ad ogni Adam lo “Shalom” universale, uno “Shalom” con il cielo e con la terra: gli angeli lo servono (il cielo) e le fiere non lo aggrediscono (la terra).

La vittoria di Gesù è però affermata da Marco anche con ciò che segue la scena delle tentazioni, e che anche ascoltiamo in questa prima domenica di Quaresima. E l’inizio della predicazione di Gesù, sono le prime parole che Gesù pronunzia nell’Evangelo: Il tempo è compiuto e il Regno di Dio si è avvicinato; convertitevi e credete all’Evangelo!

Perchè il Regno di Dio si è avvicinato? Perché c’è un Adam che ha vinto la tentazione, e ha proclamato la Signoria (il Regno) di Dio sull’intera sua esistenza. Gesù è il nuovo Adam che ha dato credito alle vie di Dio e non ha ceduto né ai morsi nè alle lusinghe del tentatore con i suoi miraggi di piacere, di potere e di possesso.

La Quaresima si apre così davanti a noi come tempo privilegiato per sperimentare questa Signoria di Dio, questo Regno vicino perché accolto. La conversione non è compiere atti meritori; non è neanche migliorarsi; la conversione è accettare l’azione di Dio aderendo vitalmente alla buona notizia che è Gesù, permettendo a Gesù stesso di plasmare il nostro universo interiore. Scrive Andrè Louf che questo è possibile perché Gesù, attraversando le tentazioni, vi ha deposto un seme per noi, un seme della sua forza, un seme del suo no alle vie di morte mascherate con le lusinghe del mondo, un seme del suo sì al Padre, sì a un amore fino all’estremo …

Camminare nella Quaresima significa raccogliere questi semi di grazia, e questo è possibile solo chinandosi umilmente, e riconoscendosi bisognosi di quel suo dono. Ecco che Quaresima è tempo di prova, di grazia, di lotta … è tempo di appropriazione di ciò che Gesù ha lasciato per noi nel deserto arido delle tentazioni, e sul terreno dolente delle nostre debolezze.

Deponiamo l’orgoglio per chinarci ad accogliere questi semi di vita. Giungeremo così alla Pasqua pronti ad attraversare le acque del Mar Rosso che vorrebbero essere baluardo invalicabile verso la libertà.

p. Fabrizio Cristarella Orestano

(Briton Rivière – 1840 – 1920 – : Gesù nel deserto)