Incontri in Monastero

 


 Incontri in Monastero

Concerti e Giornate della cultura

 

 

Monastero di Ruviano, particolare
Monastero di Ruviano, particolare

 Siamo tutti cercatori di verità e di bellezza, siamo tutti cercatori di umanità, siamo tutti assetati di senso. 

Il Monastero di Ruviano… una “casa di Dio” che vuole essere al servizio di queste ricerche di “vita” e di senso, anche attraverso l’arte! Questo il motivo dei vari incontri che nel corso degli anni il Monastero di Ruviano si propone di organizzare; tra questi, l’annuale concerto operistico Dal tuo stellato soglio….l’Opera per un’opera di Dio

Diversamente dai primi anni oggi l’appuntamento de “L’opera per un’opera di Dio” è proprio al Monastero di Ruviano!

Tanti di voi, dal 1 di ottobre del 2011, l’hanno visitato, tanti l’hanno vissuto, tanti vi hanno già ascoltato la Parola di Dio e si son lasciati avvolgere dal silenzio e dalla  preghiera…in queste mura… il “sogno” ha preso vita!
Questo grazie alla fede ed ai sacrifici di tanti… grazie all’aiuto di chi crede all’“inutilità” di un Monastero!
Siamo oggi alla V edizione delle serate operistiche: “L’opera per un’opera di Dio”! Questo concerto nasce nel 2009 come tributo ad una grande dell’Opera, Rosa Ponselle le cui radici sono proprio in questa nostra terra, la terra dei suoi avi…

«La signorina Ponselle ha una voce d’oro puro», questo è il commento del severo critico musicale del New York Time quando il 15 novembre 1918 Rosa Melba Ponselle debutta al Metropolitan Opera con “La Forza del Destino”, al fianco di Enrico Caruso. Rosa Melba Ponzillo, in arte Ponselle, nasce nel 1897 a Meriten, nel Connecticut, da Bernardino e Maddalena Conte, italiani immigrati da Caiazzo (CE).

Ci è caro perciò dedicare alla sua memoria questi nostri concerti, con i quali far risuonare la musica dei grandi operisti in queste contrade.

Nel 2009 – anno della nostra prima edizione del Concerto – eravamo in un cantiere, e così pure alla II Edizione; alla III edizione invece il cantiere era aperto, e dovemmo perciò vivere questa serata nella ex scuola media di Ruviano…a pochi metri da qui!
Certo, oggi il Monastero è completato, ma c’è ancora tanto da fare e ancora tanto da …pagare… tuttavia ringraziamo Dio perché la nostra vita monastica è iniziata per davvero, ed il nostro servizio alla Chiesa come monaci e servi della Parola ora può dire di avere una “casa” per accogliere chi cerca Dio!

Un Monastero ha al suo cuore il Signore Gesù, il Figlio di Dio fatto uomo, morto, risorto e vivente per noi! È il Suo volto che sempre qui si cerca, si cerca quel volto perché noi monaci sappiamo che lì ci sarà rivelato il senso ultimo della vita, e potremo gustare la bellezza senza fine! Questo il motivo dei concerti in monastero….perché la musica, quella vera, ci avvolge di una bellezza che ci racconta l’“oltre”, il “di più”, la bellezza cui aneliamo!

La musica è impalpabile ma non per questo meno concreta delle altre arti… La musica scorre e si incide nel cuore, nella mente, nel profondo di noi; suscita gioia, emozione, dolore, commozione… la musica ci fa sentire come è bello essere uomo se l’uomo sa esprimersi così!

Vogliamo dire GRAZIE a tutti voi che negli anni partecipate a questi eventi in Monastero: ci sono i “fedelissimi” del Concerto annuale, ci sono gli amici di sempre, ci sono quelli che per la prima volta ci onorano della loro presenza…
Grazie a tutti!
Il primo “grazie” va agli Artisti che danno vita alla perenne musica classica…e che prestano con amore la loro arte al nostro “sogno”!
Grazie ai fratelli del Gruppo Esperienza che, come sempre, ci hanno aiutato a realizzare questa serata: dalle scene all’organizzazione, dal “trovarobato” alle pulizie, dalla cucina a tutti i servizi.
Grazie all’amico e fratello Renato che è il nostro chef…
Grazie al Sindaco di Ruviano che ci è sempre vicino…
Grazie a tutti voi per quello che ancora farete per quest’“opera di Dio”!
Grazie perché in occasione dei Concerti è possibile gioire insieme della bellezza della musica e dell’arte, esse ci aiutano a “pensare”…
Grazie perché negli anni percorriamo tratti di strada verso la contemplazione dell’“ulteriore” … la bellezza ci riporta sempre lì…verso l’oltre…

I Monasteri sono stati sempre custodi di cultura e di bellezza, speriamo di essere, anche noi, fedeli a questa vocazione che è fedeltà all’uomo perché è fedeltà a Dio!

P. Fabrizio e P. Gianpiero

 

Settembre 2009 – I Edizione del Concerto Operistico

Luglio 2010 – II Edizione del Concerto Operistico

Giugno 2011 – III Edizione del Concerto Operistico

Settembre 2012 – IV Edizione del Concerto Operistico

Maggio 2013 – Concerto di canzoni napoletane: “Era de Maggio”

Maggio 2013 – Giornata della cultura: “…sulle orme di Sant’Agostino”

Settembre 2013 – V Edizione del Concerto Operistico

 

 

 

I commenti sono chiusi