La Comunità di Ruviano

 


«Erano assidui nell’ascoltare l’insegnamento degli apostoli e nell’unione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere. Un senso di timore era in tutti e prodigi e segni avvenivano per opera degli apostoli. Tutti coloro che erano diventati credenti stavano insieme e tenevano ogni cosa in comune;  chi aveva proprietà e sostanze le vendeva e ne faceva parte a tutti, secondo il bisogno di ciascuno. Ogni giorno tutti insieme frequentavano il tempio e spezzavano il pane a casa prendendo i pasti con letizia e semplicità di cuore, lodando Dio e godendo la simpatia di tutto il popolo. Intanto il Signore ogni giorno aggiungeva alla comunità quelli che erano salvati.» (Atti 2, 32-4)

 


La Comunità di Ruviano si configura come una comunità cenobitica di chierici e laici che vivono il proprio essere cristiani in forma monastica, sotto la guida di un priore.

La vita della comunità è scandita da tempi di preghiera, di lavoro e di accoglienza

  • ​ascoltare, meditare e vivere la Parola di Dio nella pratica della “Lectio divina” e della preghiera;
  • vivere il lavoro nella solidarietà degli uomini;
  • essere pronti ad accogliere chiunque si senta chiamato a cercare Dio in questa forma di vita e a condividere con chi lo desideri il cammino monastico;
  • lavorare a favore di chi ha bisogno di essere evangelizzato e accompagnato nella fede;
  • annunciare il Kerygma, ovvero il nucleo essenziale della fede, soprattutto attraverso lo strumento dell’Esperienza, oltre che accompagnare quanti già vivono la propria fede nella comunità ecclesiale;
  • creare le condizioni necessarie e di offrire l’accompagnamento per un ritiro individuale di revisione di vita in ogni momento dell’anno.

La Comunità si prefigge di ricercare la radicalità del Vangelo nella stabilità della vita comune, contrassegnata da una dedizione totale al servizio di Dio, nell’ascolto della Parola, nella carità fraterna, nel celibato, nella condivisione di tutti i beni, nell’obbedienza, nel silenzio e nell’accoglienza di quanti cercano Dio e desiderano incontrarLo.

I commenti sono chiusi