S.S. Corpo e Sangue di Gesù – Luogo del “semplice” e del “sublime”

L’EUCARISTIA, MISTERO CONCRETISSIMO DELLA NOSTRA FEDE

Es 24,3-8; Sal 115; Eb 9, 11-15; Mc 14, 12-16.22-26

 

Domenica scorsa, nella Solennità della Trinità Santissima, l’evangelo si concludeva con quella promessa straordinaria di Gesù: “Ed ecco io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine dei secoli !” (cfr Mt 28,20). Quella promessa che, se presa davvero sul serio, può cambiare le vite dei credenti e può fare della storia della Chiesa una via di salvezza per il mondo…oggi la liturgia ci invita a contemplare una via eccellente, precipua, direi “tangibile”, di questa presenza promessa : l’Eucaristia. Il Corpo ed il Sangue di Cristo dati una volta per sempre per amore del mondo e dati per sempre ai credenti, giorno dopo giorno, nello scorrere dei secoli, fino a giungere all’eterno…Gesù stesso, infatti, nel passo di Marco dell’istituzione dell’Eucaristia che abbiamo ascoltato, ci mostra questa meta nell’eterno: Non berrò più del frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò nuovo nel Regno di Dio … Così per noi: quel Pane e quel Calice , il suo Corpo e il suo Sangue , ci spingono verso l’eterno, ci conducono al Regno realizzandolo qui nella storia e giungendovi oltre la storia.

L’Eucaristia, mistero “concretissimo” e palpabile eppure così oltre ogni umana comprensibilità, mistero di una tale semplicità che solo Dio poteva “inventare”, l’Eucaristia è il luogo del semplice-sublime per eccellenza.

Mistero sì di presenza ma non di una presenza statica : l’Eucaristia non è una luce splendida da guardare (nonostante le nostre “splendenti” processioni di questo giorno in cui pare importante il “mostrare” l’Eucaristia!!), l’Eucaristia è cibo da mangiare ! E da mangiare con responsabilità: Gesù ha detto che dobbiamo “prendere” quel Corpo e quel Sangue; “prendere”, un atto dunque libero, responsabile! Un cibo da mangiare e non solo da guardare; se guardiamo il Pane Eucaristico è solo perchè ci attragga a farne nostro cibo , a farne la forza della nostra vita.

Il Corpo e il Sangue di Cristo ci sono dati perchè le energie della sua Pasqua si trasfondano in noi, ci plasmino, ci rendano simili a Lui nell’essere dono per il mondo. Il cibarsi di quel cibo è finalizzato ad obbedire a quel suo comando: “Fate questo in memoria di me” che Luca e Paolo ci trasmettono nei loro scritti (cfr Lc 22, 19; 1Cor 11, 24-25); ciò che bisogna fare non è la reiterazione di un rito , ma il cuore di quel gesto: essere dono, essere vita data, essere disposti ogni giorno a deporre la vita per amore.

Capiamo che l’Eucaristia è certo il dono più “impegnativo” e “compromettente” che Dio ci ha fatto perchè lo impegna a venire nelle nostre mani e sui nostri altari spesso freddi, formali e senza amore, spesso meramente rituali e precettistici (nelle migliori delle ipotesi!) quando non segnati da mercimonio e da convenienza…ma è dono impegnativo e compromettente anche per il credente che ne abbia piena consapevolezza. E circa la consapevolezza dovremmo fare un serio discorso ecclesiale circa la trasmissione del dato di fede circa l’Eucaristia che si pratica; diciamocelo: nella maggioranza dei casi l’unica trasmissione di questo dato di fede avviene per la “Prima Comunione” con un linguaggio giustamente per bambini ma condito da tante svenevolezze e diminuzioni…

L’Eucaristia ci trascina nel mondo di Dio, nel cuore stesso della Pasqua di Gesù che è fuoco divorante perchè “luogo” dell’Amore trinitario. Chi si ciba di quel Pane non può rimanere come prima, è uno che si deve far trasformare da Dio, è uno che entra in una lotta “violenta” con le logiche del mondo che lo abitano e che lo aggrediscono dall’esterno con le loro mille “buone ragioni”. Chi si accosta a quel banchetto riceve un dono carico di tenerezza ma che gli sussurra una domanda pressante: “Vuoi essere Eucaristia con me? Lottiamo assieme per salvare questo mondo con il mio amore ?”

L’Eucaristia è l’Amore di Cristo che viene a noi per farcene portatori, testimoni per la storia!

L’Eucaristia ogni giorno ricorda alla Chiesa che si è compiuta in Gesù la Prima Alleanza e quel Sangue di Alleanza ormai le scorre nelle vene, il Sangue dell’Agnello non solo le è asperso sul capo (come al Sinai, nel tratto del Libro dell’Esodo che è oggi la prima lettura) ma le scorre dentro; da quell’Alleanza ormai scritta nel solo cuore la Chiesa deve lasciarsi muovere ed in quell’Alleanza deve vivere e camminare.

Il Corpo di Cristo così ci riporta subito al Corpo di Cristo che è la Chiesa: senza Chiesa non c’è Eucaristia e senza Eucaristia non c’è Chiesa; più c’è disaffezione all’Eucaristia e più la Chiesa langue e si diluisce nel mondo, più c’è consapevolezza eucaristica e più la Chiesa brilla della luce della Pasqua di Gesù suo Signore e pone in atto gesti, parole, scelte, compromissioni che mostrano il Volto di Cristo, che mostrano la bellezza dell’essere uomini secondo il “sogno” di Dio.

Celebrare l’Eucaristia è mettersi con coraggio nelle mani di Cristo perchè plasmi la nostra argilla con la forza e la tenerezza del vasaio (cfr Ger 18, 1-6) e faccia di noi ciò che dobbiamo essere.

La Pasqua di Gesù vive in noi grazie a quel Pane spezzato e a quel Calice versato: il suo Corpo e il suo Sangue che ci appartengono e a cui apparteniamo !

Print Friendly



Leggi anche:

Taggato , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento