Esaltazione della Santa Croce – Volgere lo sguardo


IL FIGLIO INNALZATO GRIDA: DIO E’ PADRE

Nm 21, 4b-9; Sal 77; Fil 2, 6-11; Gv 3, 13-17



Andrea del Castagno - Crocifissione

Andrea del Castagno – Crocifissione

 

Quest’anno la Solennità dell’Esaltazione della Santa Croce cade di domenica; è una festa antichissima delle Chiese d’Occidente e d’Oriente che nasce per ricordare che il 14 di settembre del 320 Santa Elena, madre dell’imperatore Costantino, ritrovò il legno della Croce nei pressi del Calvario; il vescovo di Gerusalemme presentò al popolo il legno, innalzandolo ed invitando all’adorazione dicendo: “Ecco il legno della Croce a cui fu appeso il Cristo Salvatore del mondo”, espressione poi riversata nella liturgia del Venerdì Santo.

Questa antichissima festa ci invita ancora una volta a volgere lo sguardo alla Croce di Cristo, al suo amore per l’uomo, al suo dono fino all’estremo.

E’ necessario che ci facciamo convinti che, se non guardiamo alla Croce con costante amore, non riusciremo a custodire la santità nella nostra vita, non riusciremo a tenere lontane da noi le suggestioni mondane che vorrebbero fare di noi altro, che vorrebbero asservirci a quelle dominanti che fanno della storia un luogo in cui si combatte per il potere, per il danaro, per il prestigio ed il piacere personali…

Il testo del Libro dei Numeri che la liturgia propone ci narra un episodio che l’autore colloca nel cammino di esodo del popolo dall’Egitto; i serpenti velenosi (alla lettera in ebraico vengono definiti dei “serafim”, cioè degli “infiammati”, dei “brucianti”!), che uccidono gli ebrei che mormorano contro il Signore e contro la fatica che la libertà richiede, sono un simbolo potente del peccato che avvelena l’uomo. Il peccato è sempre la stessa cosa: non fidarsi di Dio e mettere, invece, fiducia in se stessi.
I serpenti richiamano certo il serpente antico del giardino dell’in-principio, che suggerì ad Eva proprio la via della non-fiducia in Dio; il serpente, in quella pagina di Genesi, non fa altro che mettere sospetto nel cuore dell’uomo, sospetto sull’amore di Dio, sospetto sulle sue richieste, sulle sue vie…

Come uscire dal tremendo sospetto verso Dio? Come liberarsi dal veleno della separazione da Lui? Come liberare Dio stesso dalle perverse maschere che il sospetto dell’uomo ha posto sul suo volto nascondendolo, velandolo, stravolgendolo?
La rivelazione cristiana ci dice che c’è un solo modo: volgere lo sguardo al Crocefisso (cfr Gv 19, 37; Ap 1, 7), volgere lo sguardo a chi non ritenne un tesoro geloso la sua condizione di Dio ma spogliò se stesso fino ad assumere il ruolo dello schiavo e questo fino alla morte e alla morte di croce.
Così “canta” Paolo nello straordinario inno della sua Lettera ai cristiani di Filippi che oggi si proclama, e così “canta” tutto il Nuovo Testamento mostrandoci in Gesù il vero volto di Dio!

Volgere lo sguardo a Lui ci salva dal morso infiammato del serpente antico, che ogni giorno si ripresenta a noi.
Mosè nel testo del Libro dei Numeri è invitato da Dio ad innalzare un serpente di rame: chi volgerà lo sguardo a questo segno elevato da Dio sarà guarito dal veleno del morso dei serpenti della ribellione.

Per neutralizzare la disobbedienza del peccato, Mosè richiede un atto di obbedienza. In fondo è quello che Gesù stesso ha compiuto facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce.
Nel testo dell’Evangelo di Giovanni che oggi si ascolta, Gesù dice a Nicodemo che come Mosè innalzò il serpente nel deserto così dovrà essere innalzato il Figlio dell’uomo. Chi volgerà lo sguardo al Figlio innalzato sarà capace di essere un uomo nuovo, libero dalle immagini perverse di Dio e fatto convinto che il volto d’amore del Crocefisso è il solo vero volto di Dio.

Gesù è venuto a raccontare Dio con tutta la sua vita e le sue parole, ma soprattutto salendo sulla Croce, accettando di essere innalzato sul legno dei maledetti. Così ha strappato la maschera che noi uomini avevamo posto sul volto di Dio, e da lì, dalla Croce, ci ha gridato che Dio è Padre; da lì ha fatto diventare Dio davvero  un “evangelo”, una “buona notizia”.

Guardiamo oggi alla Croce come luogo dell’amore che, riconsegnandoci Dio come Padre, ci riconsegna una grande libertà ed una grande gioia.

La libertà e la gioia di poter amare sentendosi amati ed amati così!

p. Fabrizio Cristarella Orestano

Print Friendly, PDF & Email
Taggato , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi